Da Oriente ad Occidente in un unico viaggio - Wandelle
292
post-template-default,single,single-post,postid-292,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_768,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Da Oriente ad Occidente in un unico viaggio

Giovedì 23 novembre mi sono concessa una giornata interamente dedicata all’arte. Grazie allo spazio espositivo dell’Ara Pacis che in questo periodo ospita la Mostra dedicata al maestro Hokusai,  ho avuto il privilegio di passare da un capo del mondo all’altro, da un’ arte antichissima ad un’ arte più moderna, in unico viaggio, direi quasi un viaggio nel tempo, in sole due ore.

La prima parte è stata dedicata alla scoperta  dell’arte del Maestro Hokusai e dei pittori che hanno seguito le sue orme, come Eisen e l’influenza che ha avuto su pittori quali Manet, Monet, Van Gogh, attraverso circa 200 opere. Hokusai deve la sua fama alla Grande Onda, parte della serie Trentasei vedute del monte Fuji. La mostra si compone di cinque sezioni: MEISHŌ: mete da non perdere, Beltà alla moda, Fortuna e buon augurio, Catturare l’essenza della natura e Manga e manuali per imparare.

In tutta sincerità, non sono mai stata un’amante dell’arte giapponese, anche perché forse non ho mai avuto l’opportunità di poterla ammirare da vicino e soprattutto di poter scoprire una cultura così diversa dalla nostra. Ma sono del parere che tutto va scoperto, tutto va esplorato, anche ciò che sembra così lontano dai nostri canoni estetici e gusti personali, cosi da poter avere una visione più ampia e poter dare in seguito dei giudizi, che siano essi negativi o positivi.

Ora facciamo un salto nello spazio e nel tempo e ci catapultiamo in un ambiente un po’ più familiare, ma che purtroppo, e parlo da romana, noi stessi trascuriamo e sottovalutiamo ancora.

L’Ara Pacis Augustae , l’altare della Pace di Augusto, che celebrò la pacificazione nell’area mediterranea realizzata dall’imperatore Augusto dopo le vittoriose campagne di Gallia e di Spagna. Un monumento così affascinante, da rimanerne ‘’a bocca aperta’’.  Io personalmente, una volta entrata, non sarei più voluta andare via. Ero incantata e mentre camminavo, dondolandomi intorno a quel grande monumento, mi sentivo fortunata, privilegiata. Potevo ammirare da vicino ciò che i miei antenati mi hanno lasciato in eredità e che nonostante più di 2000 anni e la storia travagliata che lo ha accompagnato, potesse conservare tutt’ora così tanta bellezza. Sarei rimasta ancora, anche perché la bellezza non basta e non sazia mai. Mi sono promessa che tornerò, magari approfittando dell’evento L’Ara com’era, ma questa è un’altra storia. In ogni caso, vi terrò aggiornati.

Maggiori informazioni

• Mostra: Hokusai. Sulle orme del Maestro

Date: 2/10/2017 – 14/01/2018

Spazio espositivo Ara Pacis

Tipologia: Arte moderna

E tu? Hai mai visitato l’Ara Pacis?  Sei stato/a già alla mostra di Hokusai? Cosa ne pensi tu riguardo quest’arte orientale? Scrivi qui sotto nei commenti o nella pagina CONTATTI mandami una mail.

No Comments

Post A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: